Jacob_Origini_tecnologiche_paesaggio

Uno sguardo scopico

«L’etimologia del paesaggio rinvia, attraverso il sostantivo “paese”, al latino pango. Il suo significato – io pianto, fisso, stabilisco – evoca il fatto di conficcare e fissare un palo (palus) nel terreno.

Continua a leggere

Palazzi Perduti

Nei suoi celebri Passages Walter Benjamin si interroga su come l’uomo nel XIX secolo possa risolvere il suo bisogno di uno spazio interno, il più arcaico dei bisogni, necessario per immunizzare e proteggere l’esistenza attraverso la costruzione di isole protettive.

Continua a leggere
Teoria e pratica del ready-made

Contro la profondità

«Tutto avviene alla superficie in un cristallo che si sviluppa soltanto sui bordi, senza dubbio ciò non vale per un organismo; quest’ultimo non cessa di raccogliersi in uno spazio interno, come pure di espandersi nello spazio esterno, di assimilare ed esteriorizzare.

Continua a leggere
Tim Ingold, Making

Sul fare

«Ma se gli oggetti sono di fronte a noi, le cose sono con noi. Ogni cosa, secondo Heidegger, è un aggregarsi di materiali in movimento.

Continua a leggere
clement-arte-involontaria-2

A come Arte involontaria

«Per chi sa osservare, tutto è arte. La natura, la città, l’uomo, il paesaggio, l’atmosfera, ciò che chiamiamo “umore”, e, infine e soprattutto, la luce. Peraltro, tutti conoscono l’arte degli artisti, quella firmata.

Continua a leggere